news blog logo


20 giugno. La Giornata mondiale del rifugiato

20 giugno. La Giornata mondiale del rifugiato

La domanda sorge spontanea e squarcia il pesante velo di ipocrisia: a cosa serve una giornata internazionale dei rif....

Una nuova tessera per una nuova Arci

Una nuova tessera per una nuova Arci

 

Potremmo intitolare la campagna ‘Scusate l’anticipo’: il prim....

Per non dimenticare @ 23 maggio_ Spazio Aereo _ Vega

Per non dimenticare @ 23 maggio_ Spazio Aereo _ Vega

Cgil, Cisl e Uil insieme alle associazioni Arci Venezia,

Acli Venezia, Rete degli studenti Medi, Unione degli Universitari, Avviso Pubblico....

17 maggio. Giornata contro l'omofobia, bifobia e transfobia

17 maggio. Giornata contro l'omofobia, bifobia e transfobia

17 maggio Giornata contro l’omofobia, bifobia e transfobia

Il 17 ricor....

Cerca nel sito

Immigrazione

newsletter



Ricevi HTML?

Joomla : ARCI Venezia

Rete ARCI

 


Link Utili

 

 

 

 

Laboratorio L'Aquila

 

Collaborazioni

 

 

 

Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

La Brexit non apra la strada alle destre e alla xenofobia  E-mail
Notizie - Mondo

Continuiamo a batterci per un’Europa dei popoli, unita, democratica e sociale

Campanelli d’allarme ne sono suonati moltissimi in Europa, specialmente da quando è cominciata la grande crisi economica. Si è perseverato in politiche fallimentari di austerità, impoverendo Stati e popolazioni. Si è scelta la politica dell’Europa fortezza contro i migranti, alimentando paure e intolleranza.  Le classi dirigenti hanno fatto orecchi da mercante (e non è solo una metafora). Il voto a favore di Brexit è una campana che suona a morto. Il rischio dell’implosione della Ue – e anche dello stesso Regno Unito – è all’ordine del giorno. Il panico dilagante sui mercati, e le speculazioni conseguenti, forse si aggiusteranno. Ma per i popoli europei e per i migranti la situazione sarà peggiore rispetto a prima. Non è un caso che le destre europee esultino per  l’esito del voto inglese, sperando in un effetto domino. Si rafforzerà la logica degli sciovinismi, delle piccole patrie, della xenofobia e del razzismo. Se l’Europa vuole impedire la propria implosione bisogna cambiarne le politiche sotto ogni aspetto e ostacolare i rigurgiti nazionalisti, sospinti dalle destre estreme. Il compito per le forze democratiche e progressiste è oggi più difficile. Ma noi non rinunciamo a batterci per un’Europa dei popoli, unita, democratica e sociale. L’unico dato confortante è il voto dei giovani e giovanissimi: il 75% si è espresso per il remain, scommettendo su un futuro che non può essere ristretto in angusti confini.

 
Giornata del Rifugiato + SIDERALIS Festival @SPAZIO AEREO  E-mail
Notizie - Mestre e Hinterland

Mercoledì 22 giugno 2016 Giornata del rifugiato ore 19.30 | Ingresso libero

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato che si festeggia ogni anno il 20 giugno, Spazio Aereo ha l'onore ed il piacere di ospitare la Festa Del Rifugiato, realizzata assieme al Progetto Fontego del Comune di Venezia ed al "Centro Boa" della cooperativa sociale Co.Ge.S. don Lorenzo Milani. Sul palco andranno il duo composto da Paolo Forte e Fuad Ahmadvand (19.30) e la Piccola Bottega Baltazar al gran completo (22.00) L'accesso sarà libero per tutti, tesserati e non: sarà inoltre offerto un lauto buffet a cura di Orient Experience.

23 -24-25 giugno SIDERALIS FESTIVAL @ Dalla terrazza Vega ecco allinearsi le tre date del primo festival di Spazio Aereo. Sulla volta stellata di Piazza Auriga onde elettroacustiche provenienti da Est Europa, Giappone, Egitto, interferiranno con ritmi incalzanti provenienti dalle due Americhe, dall'Africa e dai Caraibi. Mondi e cieli lontanissimi fusi assieme in tre giorni contaminati, sperimentali, siderali.

L'apertura del festival il 23 giugno è affidata alla voce straordinaria della celebre Iva Bittovà in duo con il virtuoso chitarrista Paolo Angeli, la chiusura sabato 25 sfocerà in una festa danzante in collaborazione con Crispy dopo un crescendo di concerti sperimentali e contaminati.  Nel mezzo, venerdì 24 giugno, una battaglia a colpi di scratch in una serata dedicata alla tradizione dell'Hip-Hop.

Tutti gli eventi avvengono all'aperto sulla Terrazza Vega, nell'ambito della convenzione tra Associazione Culturale Spazio Aereo e Vega Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia che rende disponibile l'utilizzo della location. In caso di maltempo saranno spostati all'interno della consueta sede di Spazio Aereo.

 
Giornata del Sorriso @ Arci Q16 Gazzera  E-mail
Rete ARCI - Circoli

 
Dodici anni senza Tom  E-mail
Notizie - Italia

All’alba del 20 giugno del 2004 moriva improvvisamente Tom Benetollo, a soli 53 anni,  colto da un malore mentre interveniva a un dibattito pubblico. Sono passati dodici anni da allora e la sua assenza continua a farsi sentire. La sua morte ha lasciato un vuoto incolmabile. In primo luogo per noi dell’Arci, di cui Tom era presidente nazionale, ma anche per la sinistra e la democrazia del nostro paese. Tom é stato una grande personalità politica e, per tutti noi dell’Arci una persona speciale. Ha segnato irreversibilmente l'identità dell'associazione ed é stato per la sinistra e la società civile italiane, spesso con discrezione, una mente lucida e visionaria, capace di tessere reti e alleanze, mobilitare, farci vedere lontano. Giornalista, dirigente della Fgci, e’ stato uno grandi animatori della protesta contro l’installazione dei missili a Comiso, che segnò la nascita del movimento pacifista in Europa e in Italia. Arrivato all’Arci nel 1987, contribuì a fondare l‘Associazione per la Pace, diventò  poi presidente di Arci Nova e dal 1997 presidente nazionale dell’Arci.La sua presidenza ha segnato un periodo di grande rinnovamento e  sviluppo dell’associazione, che si è caratterizzata in quegli anni come uno dei soggetti più attivi del movimento pacifista, antiliberista e altermondialista. Ne ha promosso la partecipazione alle grandi manifestazioni di Genova contro il G8 nel 2001, ai Forum sociali mondiale ed europeo, a Porto Alegre, a Mumbay, a Firenze, a Parigi. L’Arci, oltre ad essere una delle più grandi organizzazioni sociali che difende e pratica un’idea di democrazia attiva e partecipata, con lui ha assunto un ruolo sempre più rilevante nella lotta per i diritti e la giustizia sociale, è diventata punto di riferimento per lo sviluppo dell’associazionismo. La breve vita di Tom ha lasciato un segno indelebile nel cuore di tutte e tutti coloro che lo hanno conosciuto, che hanno avuto la fortuna di lavorare e di percorrere un tratto di strada al suo fianco. L’intera sua opera è stata un argine contro il declino e la degenerazione della politica, rigenerata nell’impegno sociale diretto. La sua grande intuizione politica sul ruolo propulsivo dei movimenti sociali per rinnovare la politica e la democrazia sostanziale è stata confermata dalla realtà, anche di questi ultimi anni che abbiamo dovuto vivere senza di lui. Caro Tom, sono passati dodici anni, ma la tua voce e il tuo pensiero non ci hanno mai lasciato.

 
20 giugno. La Giornata mondiale del rifugiato  E-mail
Top News - Top News

La domanda sorge spontanea e squarcia il pesante velo di ipocrisia: a cosa serve una giornata internazionale dei rifugiati di fronte a ciò che quotidianamente accade sui confini di mezzo mondo? Di fronte alla più grande catastrofe umanitaria che si sta consumando nel Mediterraneo; di fronte all’avanzata delle forze razziste e xenofobe in molti stati europei, di fronte all’insensibilità istituzionale dei Governi e dell’Europa? È anche questa, dunque, una data destinata a diventare il giorno (unico) di una ricorrenza vuota e imbalsamata per addetti ai lavori e per persone ‘buone’? Così come lo sono diventate altre ricorrenze importanti... Con l’aggravante che, questa ricorrenza in particolare, di fronte alla realtà che ci circonda, di fronte al dramma che si consuma sotto i nostri occhi, sarebbe troppo anche per chi, come noi, ogni giorno con azioni concrete si batte contro tutto ciò.  Noi soli sappiamo, infatti, quanto ci siamo battuti perché trovassero dignità e ricordo gli oltre 50 milioni di uomini, donne e bambini costretti a fuggire dalle proprie case, dalle proprie terre e dagli affetti più cari in cerca di una nuova vita. Sappiamo quanto sia importante che le istituzioni riconoscano, anche formalmente, un fenomeno destinato ad accompagnarci ancora per lungo tempo.

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 1 di 41

Notizie da ARCI.it

L'Arci

Convenzioni

 

 

AGENDA

Nessun evento

Arci Giovani

 

 

Campagne

 

L'angolo dei libri

 

rss




 

Arci
Comitato Provinciale di Venezia
Via Torino 11/c, 30172 Mestre Venezia
Tel. 041 5313122 - Fax 041 5316563 - Email venezia@arci.it
megasesso